15.1.07

Museo dell’arte nuragica futurista, in Sardegna

Zaha Hadid, star mondiale dell’architettura, di origine irachena con lo studio a Londra, prima donna a vincere il Pritzker Prize nel 2004, considerato il Nobel dell'architettura, ha vinto il concorso internazionale del "Betile", il Museo mediterraneo dell’arte nuragica e dell’arte contemporanea. Renato Soru Presidente della Regione Sardegna l’ha previsto sul fronte mare di Sant’Elia a Cagliari.
Come spesso accade, Zaha Hadid ci sorprende per la plasticità e il futurismo, quasi da fantascienza della sua opera. I volumi organici del museo si ispirano al corallo, e saranno anche un punto di riferimento, per chi arriva dal mare. I lavori dovrebbero cominciare nel 2008.

3 commenti:

Adriano ha detto...

dire che Hadid Ha dato il peggio di se è il minimo, in un 'oggetto' che slega ancor più la zona del Sant'Elia dalla città

Anonimo ha detto...

gente come adri-ano invece di mostrare tutta la sua ignoranza dovrebbe esssre accorto e stare perlomeno zitto- grazie

Anonimo ha detto...

E' interessante vedere che tra i due commenti sono trascorsi tre anni. Dall'ultimo ne è passato un altro ancora. Quel 'Betile' sarebbe adatto a Dubai, a Cagliari ci sarebbe stato come cavoli a merenda, con tutto il rispetto per l'architetta, bravissima e non sta a me dirlo, ma che evidentemente non sa cosa è nuragico, cosa è betile, cosa è S.Elia e quali sono le finanze della Sardegna. E poi assomiglia agli edifici di Calatrava a Valencia, per non parlare del loro contesto.