26.9.16

Vessel, la scala infinita a Manhattan

Un’insolita struttura alveolare a forma di cestino conico, un vascello alto 46 metri, una spettacolare palestra pubblica all’aperto. Così si presenta Vessel, già battezzata la Tour Eiffel di New York, che sorgerà lungo il fiume Hudson a Manhattan nel 2018. I newyorkesi potranno mantenersi in forma, passeggiando su e giù per le 154 scale intrecciate lunghe 1,69 km, da 2.500 gradini, in un percorso che fa pensare alla scala impossibile di Escher. 
Perché proprio la vita quotidiana è fatta spesso da scale mobili e ascensori. “Ho voluto progettare una costruzione che non sia solo da guardare, ma da scalare e esplorare” spiega l’architetto londinese Thomas Heatherwick (foto), che sta sviluppando anche il nuovo campus di Google nella Silicon Valley. La torre che sorgerà nel parco di Hudson Yard, aggiungendo un'altra icona alla Grande Mela, consentirà di godersi il panorama sullo skyline di Manhattan dagli 80 pianerottoli. 
Le scale in acciaio che costituiscono il telaio strutturale dell’edificio, rivestite da una pelle d’acciaio color rame lucido, che fornirà i riflessi deformati della piazza sottostante, sono già in costruzione presso gli stabilimenti industriali di Monfalcone, vicino a Gorizia. Sull’argomento Futurix aveva già pubblicato nel 2014 Rock Climbing Hall, architettura da scalare. Nel video HD sotto, Thomas Heatherwick spiega la filosofia del suo progetto.

Thomas Heatherwick spiega la filosofia di Vessel

22.9.16

Sion, la prima auto a energia solare

E’ nata in un garage, come il personal computer Apple di Steve Jobs e Stephan Wozniak, la prima vettura elettrica in grado di ricaricare le batterie dal sole. Sion, progettata dalla startup tedesca Sono Motors fondata da tre neolaureati di Monaco, è in grado di far viaggiare l'auto gratis per 30 km al giorno, grazie ai suoi 7,5 m² di celle fotovoltaiche integrate nella carrozzeria. Incredibile il prezzo nel mercato attuale delle auto elettriche, che parte da soli 12 mila euro: la mobilità sostenibile per tutti. 
E’ la prima auto elettrica solare al mondo destinata alla produzione in serie, che si ricarica da sola. Un deciso passo avanti rispetto a quanto visto sinora. La citycar Urban, con autonomia di 120 km è perfetto per i pendolari, mentre il modello Extender da 16 mila euro, offre invece un’autonomia di 250 km. Raggiungono la velocità massima di 140 km/h, e entrambi i due modelli sono in grado di caricare l’80% delle loro batterie in 30 minuti. 
L’interno minimalista della monovolume compatta da sei posti a sedere, offre un display da 10 pollici nella consolle centrale, che consente di collegare lo smartphone via Wi-Fi o Bluetooth, e di usufruire le proprie applicazioni. Inedito il sistema breSono integrato nel sistema di ventilazione, con uno speciale muschio nel cruscotto, che agisce come un filtro naturale delle particelle di polvere dell'aria, regolando l'umidità nell’abitacolo. 
Scelto il policarbonato per proteggere le celle solari, non solo infrangibile e resistente ai graffi, ma anche più leggero del vetro. Grazie al crowdfunding d’Indiegogo, Sono Motors è in grado di iniziare una piccola produzione di preserie, che consentirà alla Sion di essere commercializzata nel 2018. Un bel progresso, e pazienza per la batteria a noleggio o da comprare a parte, e il design!  

Sion video HD

18.9.16

SGNL, basterà toccarsi l’orecchio per telefonare

Arriva Sgnl il centurino intelligente da montare sul proprio orologio, smartwatch o come braccialetto, che consente di rispondere al telefono senza auricolari, in modo discreto. La tecnologia Body Conduction Unit (BCU) genera vibrazioni, attraverso la mano fino alla punta del dito, convertite poi in suono all’orecchio, e non solo. Elimina i rumori di fondo, e non può essere sentito da chiunque intorno. Come diceva Arthur Clarke “Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia”. 
Il giovane fondatore della startup sudcoreana Innomdle Lab, che lo sta lanciando con grande successo su Kickstarter, ha infatti avuto l’idea in seguito all’invasione sul mercato delle smartwatches, e del disagio dei loro possessori per la mancanza di privacy delle telefonate fatte dall’orologio. 
Sgnl comunica tramite Bluetooth con lo smartphone e vibra sul polso per avvisare di una telefonata in arrivo. Dopo aver toccato il pulsante sul cinturino per rispondere alla chiamata, basta portare la punta dell’indice sull’orecchio, e parlare con l‘interlocutore, grazie al microfono inserito nel cinturino. 
Per fare le chiamate in uscita invece, l'applicazione consente di impostare 5 contatti con luci Led, evitando la necessità di toccare lo smartphone. A 19 giorni della fine della campagna di lancio su Kickstarter, il progetto ha già raccolto oltre 900 mila dollari. Su un argomento simile Futurix aveva pubblicato, Zungle Panther, occhiali da sole con speaker a conduzione ossea e relativo video.

SGNL video HD

13.9.16

Il futuro Botanic Center Bloom di Bruxelles

Un UFO dalle vetrate sferiche atterrato sul tetto dell’edificio ricoperto di verde, che cambia colore con le stagioni. Così si presenta la ristrutturazione del centro botanico esistente del 1977, o piuttosto la metamorfosi, come la definisce Vincent Callebaut, il noto eco-architetto belga con studio a Parigi, ideatore di famosi progetti nel mondo dedicati alla sostenibilità. Un’architettura anti-smog generatrice d’energia pulita: solare, eolica, con una costruzione ecologicamente responsabile. 
“La metamorfosi intende la trasformazione del bruco in farfalla. La metamorfosi non significa sradicare il passato, ma piuttosto integrare il meglio del passato nel nostro futuro” spiega Vincent Callebaut (foto), “l'architettura di oggi è in grado di implementare la 'solidarietà energetica' tra un pezzo di patrimonio architettonico e principi innovativi di edilizia sostenibile”. 
L’edificio è rivestito da una busta vegetale sulle tre facciate, per riportare la biodiversità di nuovo nel cuore della città. Con l'aiuto di botanici, saranno selezionate piante che conferiscono colore alla costruzione, secondo le stagioni. In cima la "Crisalide", una struttura leggera fatta d’archi in legno lamellare, precaricati da una rete di cavi d'acciaio, mentre le vetrate dispiegano le loro curve per offrire una vista panoramica della città. Sul tetto 40 turbine eoliche ad asse verticale contribuiscono al rendimento energetico. La fotosintesi delle 10 mila piante che coprono le facciate e il tetto consentirà la cattura di quasi 50 tonnellate di anidride carbonica dalla città ogni anno. 
La "Crisalide" potrà diventare un luogo, dedicato agli eventi culturali, alla formazione per l'agricoltura urbana con i suoi giardini coltivati in permacultura. Suggestivi gli interni su più livelli, con sala conferenza, bar e ristorante rivestiti di legno naturale. Di Vincent Callebaut, Futurix aveva già pubblicato Hyperions, una città-giardino ecosostenibile da fantascienza, come Aequorea, oceanscrapers stampati in 3D con rifiuti di plastica, e anche La Smart City di Parigi nel 2050

9.9.16

Mercedes Vision Van, le consegne del futuro

Mercedes anticipa le nuove tecnologie per la consegna delle merci, con un futuristico furgone elettrico dal design minimalista, dotato di due droni sul tetto, per le consegne aeree dell’ultimo miglio, e non solo. Rielabora tutta la logistica dal centro di distribuzione fino al destinatario finale, in chiave digitale. Dallo smistamento robotizzato dei pacchi, fino ai percorsi in tempo reale dei droni in consegna, dalla sala controllo, con visualizzazione 3D olografica: una Vision da fantascienza. 
Dei nuovi algoritmi controllano, infatti, lo smistamento e il caricamento dei colli, la pianificazione degli itinerari di consegne per il veicolo e i droni, come pure i migliori percorsi di consegna per i corrieri. I pacchi smistati nel centro logistico, sono caricati in appositi sistemi a scaffalatura, che sono inseriti automaticamente nel vano di carico dei furgoni. Lo stesso vano intelligente, suddivide i colli da consegnare a mano e quelli destinati ai droni. 
L'intero sistema controllato dal cloud della rete, diminuisce sensibilmente i tempi di consegna e i tempi di sosta del veicolo a bordo strada. I due droni con carico utile di 2 kg ciascuno, sono in grado di consegnare o ritirare autonomamente i pacchi in un raggio di 10 km. All'interno dell’abitacolo del furgone niente volante e pedali, tutto si comanda dal joystick sulla sinistra, mentre la plancia a forma d’arco visualizza le informazioni digitali sulla sua superficie. 
Si stima che la combinazione di queste nuove tecnologie, consentirà di aumentare la produttività del 50%. Da vedere sotto lo splendido video HD illustrativo. Del costruttore tedesco Futurix aveva già pubblicato Da Mercedes-Benz il bus del futuro con video. Sull’argomento nuovi utilizzi dei furgoni invece, Futurix aveva pubblicato Peugeot Foodtruck, il bistrot su quattro ruote, e relativo video.

Video HD

6.9.16

Il vostro drone sul balcone

Immaginate di spiccare il volo dal balcone del vostro appartamento. Ecco il futuristico concept di condominio pronto per ospitare il vostro drone personale o il taxi che avete prenotato. Lo sviluppo dei droni sembra inarrestabile. Arriveranno, cambiando tante cose. Allora perché non progettare una nuova generazione di edifici drone-ready pronti ad accoglierli? In Giappone o Dubai potrebbero arrivare prima di quanto pensiamo! 
“Con questo condominio futuristico, dotato di ampi balconi, non sarebbe necessario acquistare per forza il proprio drone, ma si potrebbe ordinare un giro con un app come un taxi-hop” spiega l’ingegnere canadese Charles Bombardier ideatore del concept, in collaborazione con il designer indiano Ashish Thulkar, di Bangalore. Persino le future consegne via drone previste da Amazon, potrebbero arrivare sul proprio balcone di casa. Naturalmente questo tipo di sviluppo richiederà rigorosi standard di sicurezza, per l'edilizia e l'aumento del traffico aereo intorno agli edifici residenziali. 
Nel concept il grattacielo illustrato che sembra di sezione ottagonale, consente un multi accesso aereo grazie alle sue otto facciate, mentre le ringhiere possono scivolare giù nel pavimento all’atterraggio e al decollo. Futurix aveva pubblicato sull’argomento drone, Ehang 184, arriva il Taxi volante, anche Lilium Jet, il primo aereo elettrico personale (con decollo verticale) e nel 2015 Il possibile drone ambulanza.

3.9.16

Tridika, l'auto sale davanti al salotto di casa

Immaginate di salire con la vostra auto davanti al proprio appartamento, come Tom Cruise nel film di fantascienza Minority Report. «Perché la gente non dovrebbe usare i propri veicoli per scopi diversi dal trasporto?" spiega l’ingegnere canadese Charles Bombardier che ha sviluppato il concept Tridika con il car designer Ashish Thulkar di Bangalore, presso l'Indian Institute of Science. Infatti, parcheggiata davanti al salotto di casa diventa un’estensione del vostro soggiorno, per poi trasformarsi in un veicolo senza conducente a levitazione magnetica. 
Il prossimo arrivo dei veicoli senza conducente cambierà il modo di muoversi in città, ma si potrebbe fare di più. Bombardier parte dal principio di buon senso che le auto parcheggiate in strada occupano spazio e non sono di alcuna utilità. Il volume interno ottimizzato dalla forma squadrata, è previsto per trasportare un massimo di sei passeggeri, oppure creare uno spazio di vita aggiuntivo di discrete dimensioni destinato al lavoro o al relax. 
Il concept Tridika applica la tecnologia esistente dei motori lineari, del treno a levitazione magnetica Maglev, sperimentato in Giappone, senza contatto fisico col binario. Sale su una rampa dedicata. Bombardier, membro della famiglia del noto costruttore aeronautico e ferroviario, si è ispirato al progetto rivoluzionario della tedesca Thyssenkrup, pubblicato da Futurix nel 2014: Multi, il primo ascensore bidirezionale. Certo, non bisogna soffrire di vertigini.

30.8.16

Algoritmi USV, concept di nave da carico senza equipaggio

Immaginate una nave da carico autonoma che non inquina. Ecco Algoritmi USV, un concept di nave del futuro senza equipaggio, a emissioni zero, con un seducente design minimalista, progettato dal designer Aziz belkharmoudi. Incorpora una serie di tecnologie futuristiche, tra cui una propulsione alimentata da un reattore a fusione nucleare compatto, un supercomputer con intelligenza artificiale per la gestione automatica e il controllo, nonché sensori a ultrasuoni e laser, radar, sistemi anti-collisione, videocamere a 360°, GPS. 
Rispetto ai reattori a fissione del passato, la fusione nucleare, oltre a essere più sicura, produce un’energia 3 a 4 volte più potente. Il calore creato dal reattore a fusione, guiderà le turbine a vapore per generare elettricità e spingere la nave fino a 40 nodi (74 km/h). Lunga 800 metri, la nave è inoltre ricoperta di 80 mila m² di pannelli solari sulla sua superficie, per creare energia extra quando necessario. 
Si può persino immaginare un convoglio di navi guidati da un centro di controllo a terra (foto), paragonabili a quelli del traffico aereo. Dopo i progressi delle auto a guida autonoma guidati da Google, Tesla Motors e Mercedes, ecco quindi affacciarsi le navi senza equipaggio, nel futuro del trasporto merce marittimo. Non dimentichiamo che secondo Rødseth, il 75% degli incidenti in mare sono causati da errore umano. Sull’argomento Futurix aveva già pubblicato nel 2014 Da Rolls-Royce navi da carico senza equipaggio.

25.8.16

Glider Yacht SS18, la Formula 1 del mare

Scivola sull’acqua con eleganza come gli sci sulla neve. Ecco il rivoluzionario aliante SS18 (Super Sport di 18 metri) della londinese Glider Yachts. Questo catamarano di lusso, può raggiungere la velocità di 105 km/h (56 nodi), come andare da Saint Tropez a Monaco in 45 minuti, rendendolo uno dei yachts più veloci al mondo: la Formula 1 del mare. Accelera da zero a 60 km/h in meno di 3,5 secondi. Un design futuristico abbinato all’euforia della velocità, con un comfort di guida senza confronto, chapeau! 
"Le nostre forme di carena sono più avanti di qualsiasi barca in acqua oggi. Sono stati costruiti con processi ingegneristici simili a quelli utilizzati nel settore aerospaziale" spiega Robert McCall Ceo, capo di un progetto che ha necessitato ben 7 anni di ricerca. Infatti il profilo dei due scafi longitudinali, li consente di fendere le onde invece di sbattere contro, come nel caso di uno scafo classico (foto), migliorando così non di poco, il coefficiente di resistenza dei catamarani convenzionali. 
Il basso pescaggio inoltre permetterà l’accesso alle rade più nascoste, e l’ancoraggio vicino alle spiagge. E’ realizzato in alluminio e materiali compositi. La cabina di pilotaggio sopraelevata può ospitare 4 persone oltre al pilota. Alimentato da quattro motori idrogetti di 270 cavalli, è dotato di un sistema di controllo della stabilità, che assicura il massimo comfort per i passeggeri. Sarà il primo di una serie d’imbarcazioni e superyacht fino a 80 metri di lunghezza. Sull’argomento dei yacht futuristici Futurix aveva già pubblicato Il Tetrahedron Super Yacht levita sopra le onde.

Glider Yacht SS18 video HD

9.8.16

Buone Vacanze, anche per loro!


8.8.16

Nimble, una taglierina in punta di dita

Un’idea minimalista, geniale e utile, a portata di mano, in tasca o in borsa. L’oggetto di silicone s’infila sul dito preferito come un ditale, e apre con disinvoltura qualsiasi imballo alimentare o di batterie, ritaglia un articolo di rivista o apre una busta, grazie alla sua piccola lama in ceramica. Non esisteva, e allora Simon Lyons fondatore della startup britannica Version 22, ha pensato bene ad inventare Nimble: design human tech allo stato puro. 
“Siamo uno studio creativo multi-premiato che risolvono i problemi quotidiani reali, in modo semplice e spiritoso” spiega Simon Lyons (foto), fondatore e Ceo di Version 22. Pur essendo originariamente progettato per aprire le confezioni alimentari, Nimble ha molte altre applicazioni utili. Apre qualsiasi cosa in modo semplice e intuitivo. Mentre esistono molte soluzioni che ci aiutano ad aprire barattoli e lattine, gli imballaggi alimentari, in larga parte mal concepiti, sono l’emblema della complessità e della scomodità. 
Storie di ordinarie frustazioni. Facciamo tutti fatica a tirare la linguetta nell’angolo del foglio di plastica, termosaldata sulla confezione trasparente di pancetta, prosciutto o formaggio. Figuriamoci le persone anziane, o prive di una certa forza fisica nella mano! Nimble risolve con velocità, eleganza e semplicità d’uso questo problema ed altro. E’ in fase di lancio su Indiegogo a 13 euro.

Nimble video

5.8.16

i360, la torre d’osservazione mobile più alta del mondo

Un UFO trasparente che sale lungo un’esile colonna d’acciaio alta 162 metri. Ecco British Airways i360, l’inedita e futuristica torre d’osservazione panoramica che si erge sul lungomare di Brighton, aperta ieri. E’ stata ideata e progettato in 13 anni, da Marks Barfield Architect, lo stesso studio autore della grande ruota del London Eye, e della futura funivia di Chicago. Una prodezza tecnica per la prima funivia verticale al mondo, con il suo slanciato cilindro d’acciaio. 
Il suo rivestimento in alluminio forato, diffonde e interrompe il flusso del vento, riducendo le vibrazioni. La capsula toroidale trasparente a forma di ciambella, di 18 metri di diametro alta 4,7 m, ospita fino a 200 passeggeri. Sfrutta l’energia generata dalla sua discesa. Sale in 10 minuti fino a 138 metri, per godere di una vista panoramica mozzafiato a volo d’uccello fino a 42 km, della costa e della Manica. La parte inferiore lucida a specchio lancia riflessi delle forme mutevoli, della città, del mare e del cielo. Di notte la capsula si trasformerà in uno Sky Bar, con musica e luci d'atmosfera. 
Sponsorizzata dalla British Airways, la torre è costruita di fronte ai resti dello storico vittoriano West Pier di Brighton. “Il suo design, l'ingegneria e il metodo di costruzione sono innovativi, proprio come il West Pier è stato a suo tempo”, spiega l'architetto David Marks dello studio. La capsula che scorre lungo la sezione cilindrica della torre, di soli 4 metri di diametro, è entrata nel Guinness World Record, come “la torre più snella del mondo”. L'area d'imbarco Beach Building, ancora in costruzione, accoglierà un ristorante, negozi, uno spazio espositivo, sale conferenze e un parco giochi per i bambini. Futurix aveva pubblicato sull’argomento Un anello panoramico sopra Grand Central a Manhattan. 

i360 video HD

31.7.16

Lo smartphone del futuro? Olografico

Avete voglia di conversazioni olografiche come in Star Wars, o manipolare oggetti virtuali sul vostro smartphone come in Iron Man? Il vostro desiderio potrebbe essere già esaudito fine 2017, superando la fantascienza! A differenza dell’Augmented Reality o Virtual Reality (AR o VR), L’Holographic Reality (HR) o Realtà Olografica, non richiede occhiali speciali. Gli ologrammi interattivi 3D sono proiettati dal display, visibili a occhio nudo. Ecco la rivoluzionaria startup californiana Leia 3D, in onore della Principessa Leia apparsa in ologramma, nel film Star Wars del 1977. 
"Sarete in grado di vedere l’ologramma fuori dal display, usando le dita per farlo girare", spiega David Fattal (foto), il giovane francese fondatore e Ceo di Leia 3D, "Tornare al 2D sarà come tornare dalla Tv a colori a quella in bianco e nero.” La tecnologia di Leia nella sua semplicità, che funziona con qualsiasi schermo Lcd esistente, si basa sul Diffractive Lighfield Backlighting (foto), uno speciale sistema di retroilluminazione, con una guida luce dotata di reticoli di diffrazione nanometrici, in grado di indirizzare un singolo raggio di luce verso ogni singolo pixel del display. 
Risultato? Una tecnologia MultiView 3D in grado di proiettare 64 immagini con diverse angolazioni, che consentono al cervello di percepirle come un unico ologramma, e cambia aspetto con il movimento dello sguardo, come nel mondo reale. Bye bye il mal di testa con i visori di Realtà virtuale e aumentata. “Offriamo il primo display olografico portatile, con l’unica tecnologia compatibile al momento con smartphone, tablet, e-watch” afferma David Fattal. 
La Realtà Olografica sarà l’interfaccia definitiva per comodità. Apparirà in tutto il suo realismo quando servirà, e sparirà dopo uso senza occupare spazio. L’ HR sarà ovunque, su smartphone, tablet, orologio, a casa su qualsiasi apparecchio, in auto, in ufficio… Questi oggetti di luce potranno essere manipolati a mezz'aria da gesti delle dita o della mano, e sentiti fisicamente persino con feedback tattile (Haptic tecnology), portando il mondo digitale come mai prima, nella nostra vita quotidiana. 
L’impressionante video sotto della cinese Estar, che lavora anche sull’argomento, ha il merito di visualizzare diverse applicazioni di quest’affascinante tecnologia. Futurix aveva già pubblicato nel 2014, L’iPhone olografico del futuro? con relativo video.

Smartphone olografico applicazioni, video HD

20.7.16

Da Mercedes-Benz il bus del futuro

Una pietra miliare verso una rivoluzionaria mobilità urbana, completamente autonoma. Dopo le prime metropolitane senza conducente, ecco il Future Bus di Mercedes-Benz, dal design futuristico, che segna il futuro del trasporto pubblico urbano di superficie, senza autista, all’orizzonte 2020: un’anteprima mondiale! Un autobus high-tech con una visibilità, una trasparenza e un comfort senza precedenti, che migliorano ulteriormente l'attrattiva degli autobus come mezzo di trasporto. 
Il Future Bus utilizzando l’ultima generazione del sistema CityPilot, compie un primo passo fondamentale verso il trasporto pubblico completamente autonomo. Ora per la legislazione in vigore, è necessario la presenza di un autista dietro il volante, che può in ogni momento riprendere il controllo. Però una volta premuto il pulsante da parte sua, la guida diventa automatica. Il bus riconosce gli ostacoli, come l’attraversamento improvviso di pedoni, e frena di conseguenza. 
Il sistema impiega 10 videocamere (Foto), sistemi radar a lungo e corto raggio che monitorano costantemente la strada da percorrere e dintorni, senza dimenticare un sistema GPS. Risultato? Il processo di fusione di tutti i dati, crea un quadro preciso della situazione e concorre a un preciso posizionamento del veicolo, nell’ordine di centimetri. 
In confronto degli autobus convenzionali di oggi, l’interno con un seducente design minimalista a pianta aperta, è un autentico salotto su quattro ruote. Oltre a vaste aperture e maniglie ben integrate, il bus vanta superfici di ricarica wireless induttiva (foto), l’accesso al Web e un sistema di biglietto elettronico, nonché schermi informativi. Come da noi !
Il test eseguito in prima mondiale su un percorso di 20 km dall'aeroporto Schiphol di Amsterdam alla città di Haarlem, fermandosi ai semafori, alle fermate e passando attraverso gallerie e curve strette, è stato superato con successo (video HD sotto). Il sistema migliora l'efficienza, riduce il consumo di carburante e le emissioni, contribuendo con la sua andatura fluente e senza brusche frenate, a migliorare anche il comfort dei passeggeri a bordo. 

Future Bus video HD

16.7.16

Puma X-Cat Disc, la scarpa reinventata

Una sneaker senza lacci, con un disco rotante d’alluminio sulla linguetta, che tira i fili interni per aprire e chiudere la scarpa, avvolgendo il piede come una seconda pelle, in un unico pezzo senza cuciture multiple, grazie ad uno strato sottile di materiale elastico e leggero. Ecco la X-Cat Disc della Puma, progettato da Designworks, ispirata all’innovativo concept car Gina BMW del 2008, con la carrozzeria di tessuto elasticizzato, capace di mutare il proprio aspetto secondo i desideri del conducente. 
“L’approccio è stato quello di esaminare ogni aspetto della fabbricazione di una scarpa, e reimmaginarla, liberando la mente e accelerando così il cambiamento”, spiega Adrian van Hooydonk, Vice President di BMW Group Design. Risultato? Un design futuristico, ergonomicamente soddisfacente, opera dello studio Designworks di BMW Group. 
I tagli laser del tessuto elasticizzato argentato nella parte anteriore della scarpa, favoriscono una migliore traspirazione del piede, mentre la scarpa è in grado di resistere a temperature estreme. E’ commercializzata da inizio luglio. Da vedere il video HD sotto. Sull’argomento, futurix aveva pubblicato nel 2014, Le Nike Mag autoallaccianti di Ritorno al futuro 2