18.9.19

PhotoChromeleon, l’oggetto ora può cambiare colore

La capacità di cambiare colore dei camaleonti ha confuso a lungo gli osservatori. Ora immaginate di avere un paio di sneaker che mutano colore ogni giorno, proprio come un camaleonte, da abbinare a qualsiasi vestito. Ecco PhotoChromeleon, creato dal team del laboratorio di informatica e intelligenza artificiale del MIT. Un rivoluzionario inchiostro riprogrammabile, composto di coloranti fotocromatici, che consente agli oggetti di cambiare colore, quando esposti a una luce ultravioletta (UV), e svanire a piacimento. 
Per elaborare l'inchiostro, il team del MIT ha sciolto i coloranti fotosensibili ciano, magenta e giallo in una vernice trasparente da applicare sui soggetti. Un processo completamente reversibile che può essere ripetuto all'infinito. Nel video sotto si vedono gli studiosi spruzzare la soluzione messa a punto su un camaleonte giocattolo, e poi inserirlo all'interno di una scatola dotata di un proiettore e di una fonte di luce ultravioletta. Con l'inchiostro di PhotoChromeleon, puoi creare qualsiasi cosa, da un motivo zebrato a un paesaggio travolgente, da mappare tramite un banale programma per computer. 
Alper Kiziltas, specialista in materiali sostenibili ed emergenti presso Ford Motor, ha espresso il suo entusiasmo per l’innovativo processo: “Questo inchiostro programmabile potrebbe ridurre il numero di passaggi necessari, per realizzare una parte multicolore. Un giorno potremmo persino essere in grado di personalizzare i nostri veicoli con un gesto.” Sull’argomento Futurix aveva già pubblicato nel 2015 Volvorii cambia il look delle scarpe dallo smartphone con relativo video HD e ShiftWaer, scarpe da personalizzare all’infinito con video HD.

PhotoChromeleon video HD

14.9.19

Samsung Vision, il mondo tra 50 anni

Autostrade subacquee, Taxi volanti, Hotel spaziali in orbita, case autopulenti, grattacieli sotterranei e stampa 3D di organi vitali, sono alcune delle previsioni più innovative del rapporto Samsung KX50: The Future in Focus, che ha riunito sei tra i più importanti scienziati e futurologi britannici, per immaginare come sarà il mondo nel 2069."I prossimi 50 anni porteranno i maggiori cambiamenti tecnologici e innovazioni mai viste nel lavoro e nel tempo libero", afferma Jacqueline de Rojas, della Royal Academy of Engineering, co-autrice del rapporto. 
“Oltre a resistere ai terremoti, i grattacieli sotterranei, i cosiddetti earthscrapers, grattacieli invertiti, possono generare energia” spiega Dale Russel, consulente in ingegneria del design dell’innovazione al Royal College of Art di Londra, “le rocce assorbono il calore del sole in estate per mantenere la città fresca, e rilasciarla in inverno per riscaldare gli edifici. Questi grattacieli scavano verso il basso per molti piani, offrendo residenze, giardini, spazi sportivi e di lavoro. 
Il rapporto prevede anche la produzione su larga scala di organi vitali stampati in 3D, e di impianti corporei per monitorare la nostra salute. Il turismo spaziale si svilupperà con hotel in orbita alla Terra e alla Luna in grado di generare la propria gravità. Sul fronte dell'intrattenimento sono previste partite di sport aerei quadridimensionali, con squadre volanti su hoverboard in stile Quidditch di Harry Potter. Sull’argomento grattacielo sotterraneo, Futurix aveva già pubblicato nel 2011 Earthscraper, un grattacielo underground a Città del Messico?

2069 video HD