5.8.19

Adastra, superyacht futuristico

Adastra è l’uno dei superyacht più sorprendente al mondo per il suo design futuristico. La sua forma offre la massima stabilità anche con i mari più agitati. Il trimarano con la maggior parte della barca fuori dall'acqua, offre velocità, con un consumo di carburante però inferiore, grazie all'aerodinamica e all'idrodinamica al di sopra della linea di galleggiamento. Il ponte e la sovrastruttura sono realizzati in fibra di carbonio con anima a nido d'ape, mentre lo scafo è in sandwich di schiuma vetro/kevlar, e l'interno in legno di quercia leggero. Può essere guidato a distanza da un iPad. 
Progettato dallo studio britannico Shuttleworth Design, le sue ali aerodinamiche lo aiutano a galleggiare sull'acqua. Solo il 20% della nave è immersa. Risultato? La sua resistenza in acqua significativamente ridotta, e la sua leggerezza li consente di consumare circa il 14% del carburante utilizzato dagli yacht più tradizionali, con le stesse specifiche. Lungo 42,5 metri vanta una velocità massima di 42 km/h e può ospitare 9 persone e 6 membri dell'equipaggio. L’architettura d’interni curata dallo studio Jepsen Design di Hong Kong, offre un piacevole ambiente sinuoso in legno di quercia. 
A bordo una cabina armatoriale e due cabine ospiti, quattro bagni, sauna, bagno di vapore e idromassaggio. Sul ponte di poppa, una zona bar e una sala da pranzo. Sul ponte principale un grande salone, una sala da pranzo, una stazione di navigazione e l'ampia finestra panoramica. Sull’argomento Futurix aveva pubblicato nel 2016 Glider Yacht SS18, la Formula 1 del mare con relativo video HDDa vedere sotto oltre a quello ufficiale, il video della rivoluzionaria progettazione del designer londinese John Shuttleworth, uno dei pochi maestri del design multiscafo. 

Adastra superyacht video HD

La progettazione del designer londinese John Shuttleworth video HD

1.8.19

Reon Pocket, aria condizionato prêt-à-porter

Immaginate di poter regolare la vostra temperatura corporea in giro, sia nel caldo torrido che nel freddo pungente. L'avete sognato, Sony l’ha fatto! Ecco Reon Pocket il micro condizionatore del futuro: tascabile, più piccolo dello smartphone, da indossare nel taschino della maglietta sotto la nuca, che può essere regolato da un’app. La temperatura della superficie corporea dell'intera schiena, viene così ridotta o aumentata secondo la stagione. In estate può abbassare la temperatura di 13°C, mentre in inverno può offrire 8°C in più. 
Reon Pocket sarebbe quindi l’ideale per andare in ufficio, a piedi, in bici o con i mezzi pubblici in ogni stagione. Sfrutta il principio dell’effetto Peltier, il fenomeno termoelettrico di una corrente elettrica, che scorre tra due metalli differenti o semiconduttori posti in contatto, produce un trasferimento di calore. Ha l'aspetto di una piastrina sottile (foto). Una delle due superfici assorbe il calore, mentre l'altra la emette. L’idea ha già ottenuto successo dopo pochi giorni, sulla piattaforma di crowdfunding First Flight  di Sony, la sua piattaforma dedicata alle idee più innovative. 
Unico neo, è previsto all’inizio con un’autonomia di soli 90 minuti e un tempo di ricarica di due ore. È da prevedere però che le successive versioni garantiranno una vita più lunga. Destinato per adesso, solo per il mercato interno. Arriverà in Giappone a marzo 2020, in tempo per le Olimpiadi di Tokyo. Dovrebbe costare sui 120 euro.