22.3.19

Alena, la vostra futura assistente robotica

Se interfacciarvi con lo speaker dell’assistente personale intelligente Alexa di Amazon, con la sua voce disincarnata, diventa noioso dopo un po’, potrete in futuro invece conversare in modo più umano e stucchevole con Alan e Alena, le due teste robotiche realistiche ideate e presentate al CES di Las Vegas, dalla startup statunitense Robomodix. Sono dotate d’intelligenza artificiale, di deep learning, in grado di riconoscere visi, oggetti e di rispondere alle domande. Con 6 gradi di libertà muovono, ricoperti da una pelle di silicone, testa, occhi, mascella, e bocca in base alle vibrazioni audio. 
Alena è progettata come una personalità femminile, mentre chi è alla ricerca di un assistente digitale maschio può optare per Alan. Sono compatibili con Alexa, Google home e Siri di Apple. “Spero che il kit di robotica modulare modellerà il modo in cui percepiamo le macchine intelligenti, in un design di stile cinematografico unico” spiega Will Huff fondatore di Robomodix (foto) nel 2015, specialista di effetti speciali a Hollywood, con collaborazione al film di Steven Spielberg Artificial Intelligence.
I robot sono progettati intorno a un controller all'avanguardia, mentre gli elementi del viso sono stampati in 3D. Possono essere utilizzati in qualsiasi ambiente commerciale come hotel, ristoranti, bar, biblioteche, aeroporti, edifici governativi, centri congressi, università e musei, oppure nel mercato consumer. Futurix aveva già pubblicato nel 2015 Han, il robot dal volto umano con relativo video HD, e nel 2016 Sophia, il robot più umano di sempre con video HD.

Alena video HD

Robomodix video HD

18.3.19

Hong Kong West Kowloon Station, la cattedrale ferroviaria

Assomiglia più a un aeroporto per la sua imponenza, la nuova stazione di alta velocità di Hong Kong, il più grande nodo ferroviario sotterraneo al mondo, progettato dall’architetto americano Andrew Bromberg dello studio Aedas. Il tetto paesaggistico curvo come percorso pedonale in mezzo a giardini, funge da punto d’osservazione della città. La spettacolare sala principale delle partenze è inondata di luce naturale anche nei punti più bassi, che scorre attraverso 4.000 pannelli di vetro e un colossale tetto galleggiante sostenuto da potenti colonne d’acciaio simili ad alberi: un'autentica cattedrale futuristica. 
La stazione inaugurata nel settembre del 2018 funge ora a regime, di nuovo accesso alla Cina continentale. E’ possibile viaggiare tra Hong Kong e alcune delle più importanti città della Cina, incluso Pechino e Shanghai, in un solo giorno, e Shenzhen in pochi minuti. Ora è possibile coprire l’enorme distanza di 2.441 km che separa Hong Kong da Pechino in solo 9 ore di viaggio alla velocità massima di 350 km/h, ossia una distanza superiore tra Milano e Mosca. E’ la linea ad alta velocità più lunga del pianeta. Le foto sono di Virgile Bertrand. Sull’argomento Futurix aveva pubblicato nel 2010 La stazione ferroviaria di Stoccarda del 2016 con video HD, e Stazione di Liegi, una cattedrale di luce.