5.12.19

MetroSnap, la mobilità modulare multifunzione di Rinspeed

Elettrico, autonomo, versatile: il futuro appartiene ai sistemi di mobilità modulari, come l’ecclettico originale sistema MetroSnap della svizzera Rinspeed, che sarà presentato in anteprima al prossimo Consumer Electronics Show di La Vegas del 7 gennaio. Il creativo Fondatore di Rinspeed, Frank Rinderknecht ne è sicuro: “Le persone desiderano sempre più praticità e semplicità nella loro vita, e vogliamo renderlo possibile con le nostre soluzioni di trasporto innovative.” Dalla navetta automatizzata, al minimarket, fino al punto di consegna degli ordini online, il servizio viene a te. 
Grazie all'esclusivo sistema di scambio semplice, rapido, ed economico di carrozzerie, ispirato al trasporto aereo, provato e testato in tutto il mondo, MetroSnap si presenta ormai pronto ad affrontare la produzione in serie. MetroSnap è costituito da due parti principali: la piattaforma Skateboard, (telaio) in cui sono incorporati la batteria, il motore elettrico e altri componenti necessari per il movimento, e il corpo Pod (carrozzeria) che può essere passeggeri, merci o negozio mobile. 
Il concept modulare intelligente risolve il problema dei costi, riducendo il numero di veicoli automatizzati, costosi e di breve durata. Con la brillante separazione dei due componenti del veicolo, Rinspeed affronta i cicli di vita sempre più divergenti di hardware e software, creando così una base sostenibile per il trasporto di persone e merci in futuro. Stazioni pacchi su ruote, proprio dietro l'angolo. Il concept Rinspeed è dotato di un pilota automatico, un sistema di climatizzazione intelligente e funzionalità multimediali avanzate. Nel 2017 Futurix aveva già pubblicati Rinspeed Snap, l’inedita separazione tra abitacolo e ruote, con video HD

Rinspeed MetroSnap video HD

30.11.19

L’interprete? Negli occhiali Vuzix Blade

Immaginate di vedere in tempo reale, come in un film in versione originale con i sottotitoli, la traduzione che scorre sulle lenti dei vostri occhiali. Questo dispositivo degno da un film di fantascienza, frutto della collaborazione tra la statunitense Vuzix, leader negli occhiali a realtà aumentata, e l’applicazione olandese Zoi Meet, consente di ricevere la traduzione simultanea di una delle 12 lingue supportate dal sistema, in cui il parlato viene trascritto in testo e proiettato sul display degli occhiali. 
“In tempi di rapida trasformazione digitale” spiega Kevin Oranje fondatore di Zoi Meet, “il nostro esclusivo servizio di trascrizione istantanea sugli occhiali Vuzix, non disponibile prima, realizza il nostro obiettivo di avvicinare le persone”, mentre per Paul Travers, presidente e Ceo di Vuzix “La necessità di una comunicazione senza interruzioni tra le lingue, che non è mai stata così grande, si concretizza finalmente.” Vuzix di Rochester (New York), che ha vinto i premi Consumer Electronics Show (CES) per l'innovazione dal 2005 al 2019, e la piattaforma di traduzione Zoi Meet, contribuiscono ad abbattere le barriere linguistiche. 
Questa tecnologia già disponibile e commercializzata, eliminerà un giorno la necessità di avvalersi di interpreti. In realtà il dispositivo funziona come un microcomputer nelle stanghette. Le 12 lingue sono inglese, spagnolo, portoghese, tedesco, francese, italiano, polacco, olandese, arabo, cinese (semplificato), giapponese e coreano. Sull’argomento Futurix aveva già pubblicato nel 2016 Shima, normali occhiali da vista con realtà aumentata e relativo video HD, e nel 2017 Magic Leap One, un futuro liberato dagli schermi con video HD.

Vuzix Blade demo video HD