28.3.12

EDAG Light Car Sharing, la prossima mobilità urbana

In Germania, l’80% delle persone tra 18 e 29 anni dichiara di non aver bisogno di un’auto in città! Un campanello d’allarme per Fiat, Volkswagen o Renault? Senza dimenticare poi la benzina a 2 € al litro! L’Europa punta ora sulla citycar elettrica, mentre negli Usa spunta il car sharing peer-to-peer, un’idea nata in California: privati cittadini che condividono le proprie auto, riducendo ulteriormente i costi. Un’idea interessante tenendo conto, che l’auto passa il 92% della sua vita parcheggiata in città! Il seguito logico della condivisione degli appartamenti che esiste da tempo.
Il concept Light Car Sharing di EDAG, multinazionale tedesca d’engigneering, leader nel settore aerospaziale e terrestre, è stato la novità di spicco del recente Salone di Ginevra. E’ il primo veicolo ideato per il car sharing, ovvero il noleggio sul modello delle bici. La carrozzeria realizzata in materiali compositi, offre spazio per 6 passeggeri. L’altezza di 1,90 m, rende più facile l’accesso. Inoltre, i sedili ribaltabili favoriscono il trasporto dei pacchi. Il motore elettrico, alimentato da una batteria al litio, è in grado di raggiungere i 100 km/h con un'autonomia di 100 km. L’auto non teme i piccoli urti grazie a paraurti cuscinetti luminosi, in Technogel. La luce è utilizzata infatti, come strumento di comunicazione, indicando lo stato del veicolo, con tre colori diversi: in affitto, riservata o in carica. Quando si parcheggia l'auto o aprendo le porte, un laser integrato nello specchietto proietta una zona di sicurezza sull'asfalto (foto). Allo stesso modo messaggi luminosi proiettati sulla strada indicano lo stato del veicolo. La citycar è facile da usare e da prenotare con lo smartphone, su Internet. La condivisione del sistema online, permetterà agli abbonati di trovare la vettura più vicina al luogo di ricerca, grazie al GPS a bordo dei veicoli, che si apriranno poi con una chiave Bluetooth.

Nessun commento: