26.2.09

QB1, il computer attento ai vostri desideri


Mouse e tastiera addio! Controlleremo tutto con i gesti alla Minority Report. Sembra questo il futuro che ci aspetta a vedere il prototipo di computer robot “intelligente”, senza mouse e tastiera, svelato in anteprima mondiale a Ginevra durante il Lift Conference, capace addirittura di reperire e identificare l'utente nella stanza, grazie a un sistema di riconoscimento dei visi, di capire desideri e gusti. QB1, è il suo nome, è in grado di adattarsi progressivamente al suo interlocutore e suggerirli delle scelte, grazie ad una combinazione di diverse tecniche di intelligenza artificiale e di robotica. “Oggi dobbiamo andare verso la macchina e digitare i nostri desideri su una tastiera o un telecomando” spiega l’Ing. Frédéric Kaplan del Politecnico di Losanna, l’ideatore del progetto assieme al designer Martino d'Esposito, “in questo caso lo scenario viene ribaltato: è il computer ad adattarsi, a sollecitarci, e a proporre dei contenuti che possono essere accettati o rifiutati da un gesto”.

1 commento:

PEJA ha detto...

Veramente, veramente interessante questo progetto. Si avvia una sempre più spinta vicinanza con l'immersività ed il coinvolgimento corporale nella fruizione dei pc.
Visto che ti interessi a questi temi ti invito ad una conferenza cui partecipo oggi, a fare le veci del prof. Quici, a Roma, sul tema: Cinema Architettura. Io concentrerò molto sulla fantascienza...
Altrimenti, a breve il video sul mio blog! :)